Fagio's Corner

Dov’è il talento nei talent show?

Talent

Cosa hanno a che fare i talent show con il talento musicale? La risposta è semplice: nulla.

Essendo nel mondo del business musicale da qualche anno, ho potuto farmi un’idea abbastanza chiara della differenza tra la lo spettacolo e i contenuti. Stare in TV significa voler mettete in atto uno spettacolo; fare musica significa trasmettere un messaggio.

Alcuni musicisti possono utilizzare la tv per esprimere la propria arte, mentre i talenti show sfruttano la musica per creare una forma di intrattenimento.

Ciò implica sicuramente talento, ma non quello musicale: è talento commerciale, televisivo e comunicativo.

Il talent show è basato su una presa in giro che si esplica in almeno quattro modi:

1 – Presa in giro del non talentuoso

Quanti video delle “audizioni più divertenti” avete visto ultimamente? Vengono presi in giro i poco talentuosi che si espongono al pubblico ludibrio ingolositi da una promessa che semplicemente non esiste. Far ridere la gente di queste performance scarse significa creare intrattenimento. In passato per ottenere questo risultato era necessario pagare dei comici. Oggi ciò non solo è gratis, ma porta visibilità e pubblicità gratuita.

2 – Presa in giro del talentuoso

È molto semplice. Il premio per la vittoria consiste in un contratto discografico in cui non vengono investiti soldi. Questo perché lo scopo del talent è fare soldi dalla messa in onda dello show; investire negli artisti non è contemplato. Un normale contratto prevede un investimento per la promozione, ma nel caso del talent quale promozione è migliore del cliente che sceglie il proprio artista preferito? La vittoria è la fine della carriera, non l’inizio.

3 – Presa in giro del concetto di “talento”

Non è del tutto vero. Per fare un buon talent show è sicuramente necessario talento, solo che non è quello musicale. È piuttosto talento televisivo, capacità di creare uno spettacolo accattivante. La musica in tutto ciò c’entra molto poco.

4 – Presa in giro del pubblico

Prima dei talent show le etichette avevano i loro talent scout, facevano ricerche di mercato e investivano denaro per capire cosa potesse funzionare per il grande pubblico. Oggi grazie ai talent show si è trovato il modo non solo di rendere tutto ciò gratuito, ma di ricavarne un guadagno così grande da renderli la principale fonte di introito. Voi non siete più il pubblico, ma siete diventati i talent scout di voi stessi all’interno di uno show in cui il talento è un optional. Vi credete in grado di giudicare i cantanti che vedete in tv, ma in realtà a nessuno interessa chi vincerà. Il vero vincitore è il conto in banca dei detentori del format.

Fatevi un favore: la prossima volta che vedete un talent show cronometrate il tempo effettivo in cui viene trasmessa della musica e ripetete nella vostra mente: “questo è un programma televisivo musicale”.

Leave a Reply